Logo del Parco
Parco Naturale Regionale
Aveto
Condividi
Home » Natura e Territorio » Area Protetta

Fauna

La grande varietà di ambienti che si trova all'interno del Parco ha favorito anche la conservazione di una fauna ricca e pregiata.
La presenza di maggior richiamo è sicuramente quella del Lupo, che in tempi recenti è ritornato nelle valli del Parco con alcuni individui, nel corso di una lenta ma inarrestabile ricolonizzazione dell'Appennino da parte della specie. Oggi il Lupo, attraverso la Liguria, è tornato anche in diverse località alpine. Data la notevole suggestione che questo grande carnivoro ispira, osservazioni e gite sulle sue tracce costituiscono una delle attività più richieste alle guide del Parco.
Il Capriolo, ricomparso in questa parte di Appennino ligure solo recentemente, rappresenta il più interessante ungulato selvatico del Parco ed è attualmente oggetto di una campagna di ripopolamento, attuata anche al fine di ristabilire al meglio gli equilibri naturali. I cinghiali, come le volpi, le faine e gli scoiattoli, sono invece piuttosto diffusi. Altre specie animali di pregio presenti nel Parco sono, tra i mammiferi, il Tasso, la Puzzola e la Lepre, oltre ad alcune specie di micromammiferi tra cui ghiri, talpe, moscardini, Arvicola delle nevi e Arvicola campestre.
Per quanto riguarda gli uccelli, il Parco si può fregiare della presenza di uno dei più maestosi e affascinanti rapaci: l'Aquila reale, presente con alcune coppie nidificanti.
Notevole è la presenza stanziale di altri rapaci quali l'Astore, il Biancone, il Gheppio e la Poiana. Nel complesso le specie nidificanti sono più di sessanta.
Le numerose zone umide del Parco ospitano invece un buon numero di specie di anfibi, tra cui la Salamandrina dagli occhiali, un interessante endemismo appenninico, il Geotritone, che si rinviene soprattutto nelle grotte e cavità della Val Graveglia, ben tre specie di tritoni (alpestre, crestato, punteggiato) e la Rana temporaria. Nei ruscelli si trova un ottimo indicatore della buona qualità delle acque: il Gambero di fiume.
Molte sono le specie di Invertebrati di grande interesse, soprattutto per gli studiosi; alcuni insetti, come visto per le piante, rappresentano relitti glaciali o entità endemiche, presenti soprattutto negli ambienti di vetta o in quelli di laghetti, stagni, paludi e torbiere, particolarmente conservativi. Numerose e decisamente vistose sono anche alcune specie di Lepidotteri (farfalle), che frequentano soprattutto gli ambienti prativi del Parco, attratte dalle ricche fioriture (Vanessa io, Vanessa atalanta, Parnassius apollo, quest'ultima anche relitto glaciale).
Aquila reale
Aquila reale
(foto di: PR Aveto)
Ghiro
Ghiro
(foto di: PR Aveto)
Apollo
Apollo
(foto di: PR Aveto)
Salamandra pezzata
Salamandra pezzata
(foto di: PR Aveto)
Certificazione Ambientale ISO 14001
© 2022 - Parco Naturale Regionale dell'Aveto
via Marré, 75a - 16041 Borzonasca (GE)
Tel 0185/340311
Fax 0185/343020 - Email: info@parcoaveto.it
Posta certificata
PagoPA